Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Servizi e uffici

Tu sei qui: Home / Ente / La struttura della Provincia / Servizi e uffici / Caccia / Caccia alla selvaggina migratoria da appostamento fisso

Caccia alla selvaggina migratoria da appostamento fisso

pubblicato il 16/04/2010, ultima modifica 12/03/2021

U.O. Coordinamento gestione ittica e faunistico-venatoria Ambito Prealpino e Alpino

Sede territoriale di Vicenza

STAGIONE VENATORIA 2021/2022

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL’ISTANZA DI APPOSTAMENTO FISSO DI CACCIA ubicato nel territorio di competenza della sede territoriale di Vicenza

 

DOMANDA DI NUOVO APPOSTAMENTO

Devono presentare domanda coloro che chiedono il rilascio, ai sensi delle vigenti norme di legge nazionali e regionali, dell’autorizzazione ad esercitare la caccia da appostamento fisso, durante la stagione venatoria 2021/2022, in una delle seguenti forme:

   appostamento fisso allestito a terra, con l'uso di richiami     (cacciatori con opzione di caccia “B”)

   appostamento fisso allestito a terra, senza l'uso di richiami

   appostamento fisso per la caccia al colombaccio

 

La domanda potrà essere presentata per la durata di una stagione venatoria (1 anno), ovvero per la durata di cinque anni. In questo caso la validità dovrà essere confermata di anno in anno mediante invio dell’apposito modulo di autocertificazione, fotocopia del documento di identità e della copia dell’attestazione del pagamento della tassa regionale (vedi riquadro TACITO RINNOVO).

TERMINI e MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Per la stagione venatoria 2021/2022, la domanda va presentata attraverso il portale regionale, accedendo al nuovo Sistema Informativo Ittico Venatorio al seguente link: https://cacciapesca.regione.veneto.it, entro e non oltre il 30 aprile 2021. Per accedere al sistema il cacciatore dovrà essere in possesso dello SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).  Nel medesimo sito è possibile consultare i manuali per l’utilizzo del Sistema Informativo Regionale Ittico Venatorio, con schermate ed esempi di compilazione.

In alternativa potrà avvalersi di soggetti delegati (es. Associazioni venatorie) registrati al link https://siu.regione.veneto.it/GUSI

TASSA REGIONALE

Il sistema informativo consente il versamento mediante Carta di credito della tassa regionale annuale di € 55,78 e del valore delle due marche da bollo da 16 €.

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA DAL SISTEMA INFORMATIVO

-   codice fiscale ed estremi del porto d’armi ad uso di caccia (numero e data di rilascio)

-  eventuale atto di consenso del/dei proprietario/i e del/dei conduttore/i del fondo e relativa carta di identità (vedi allegato)

- carta topografica in scala 1/25.000 con indicazione del punto in cui si vuole installare il capanno

- mappa catastale in scala 1/2.000 con indicazione del punto in cui si vuole installare il capanno

- schema grafico del capanno con indicazione delle misure

- accordo tra i titolari di appostamenti adiacenti, per distanze inferiori a quelle prescritte;

- se il terreno è gravato da Usi Civici, copia del consenso del Comune all'utilizzo del terreno per fini venatori;

- se l’appostamento ricade all'interno di un sito della rete Natura 2000 (SIC e ZPS): Studio per la Valutazione di incidenza (VINCA)  oppure  Dichiarazione di non necessità di valutazione di incidenza (par. 2.2 all. A - DGR, n. 1400/2017).

Per le domande presentate dalle associazioni sarà necessario anche caricare la copia del documento di identità del richiedente

Verranno altresì richiesti dei dati per georeferenziare l'appostamento

1) Dati catastali:  devono riferirsi ai terreni sui quali sarà esercitata l'attività venatoria da appostamento fisso con le relative  piante da invito e devono trovare rispondenza nelle mappe catastali allegate; le mappe devono essere aggiornate e, all’interno della Particella catastale, si dovrà indicare il punto ove si intende allestire l'appostamento. Foglio n.   Particelle nn. _______

2) Coordinate geografiche rilevate da GOOGLE MAPS  nel Datum WGS84 e nel formato gradi decimali .   Es. 45. _________ E11.________

Verrà chiesto di lasciare un recapito telefonico per eventuali richieste di chiarimenti da parte dell’Ufficio

Il richiedente, sotto la propria responsabilità e consapevole, ai sensi dell’art. 76 del DPR 445/2000 e dell’art. 75 del medesimo DPR, che le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi sono puniti ai sensi di legge, dovrà inoltre dichiarare:

- che l'appostamento è realizzato nel rispetto dell’art. 20 quater della L.R. 50/1993 e consiste in una struttura precaria che non comporta alterazione permanente dello stato dei luoghi, è priva di opere di fondazione ed è facilmente e immediatamente rimovibile alla scadenza dell’autorizzazione.

- le dimensioni: base metri e altezza metri tenendo in considerazione le misure massime consentite: base metri quadrati 12; altezza metri 3 dal piano del calpestio se trattasi di appostamento fisso di caccia allestito a terra, oppure altezza massima non superiore al limite frondoso degli alberi se trattasi di appostamento fisso per la caccia al colombaccio)

- i materiali con cui è realizzato (è consentito utilizzare legno, materiali leggeri o tradizionali della zona, o strutture in ferro anche tubolari, o in prefabbricato se la struttura è interrata o immersa)

 

Completato l’inserimento dei dati richiesti, degli allegati e del pagamento, il sistema invierà alla e-mail indicata dall’utente, una comunicazione di acquisizione dell’istanza al protocollo regionale.

 

TACITO RINNOVO

I titolari di appostamento fisso con validità quinquennale, sono tenuti ad inviare alla sede territoriale di Vicenza, mediante e-mail all’indirizzo cacciapesca.ambitoalpino@pec.regione.veneto.it, per gli anni successivi al primo rilascio, il modulo di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (autocertificazione) come da allegato, unitamente a copia della carta di identità del dichiarante e copia della ricevuta di pagamento della tassa regionale annuale di € 55,78 da effettuarsi mediante il sistema PAGO PA.

E’ possibile accedere al sistema My Pay regionale all’indirizzo http://mypay.regione.veneto.it/pa/home.html

Sarà possibile procedere direttamente al pagamento mediante sistema informatico (carta di credito, home banking, ecc) oppure scaricare l’avviso di pagamento con cui poi recarsi a pagare presso ricevitorie autorizzate (banche, tabaccherie, ecc.).