Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Documentazione e modulistica uffici

Bacino dell'Adige

Bacino dell'Adige


Idrografia e qualità biologica delle acque

E' il bacino idrografico posto più a Ovest della provincia. Comprende le seguenti unità idrografiche:

  • Torrente Chiampo
  • Torrente Rio

Torrente Chiampo

Il T. Chiampo è tributario del F. Adige. Nasce dai monti Lessini ed ha un tipico carattere torrentizio che alterna piene brevi e violente a prolungati periodi di magra soprattutto nel tratto in cui scorre su materassi alluvionali dell'alta pianura. Da Chiampo a valle è asciutto per molti mesi all'anno.
Nei tratti in cui ha costantemente acqua, la qualità è risultata molto buona nel tratto montano superiore e negli affluenti laterali. Nel fondovalle da Ferrazza in giù si raccolgono gli scarichi civili e zootecnici che determinano un netto scadimento della qualità delle acque.

Torrente Rio

E' un piccolo torrentello collinare, affluente del T. Chiampo, che prende origine a monte di Selva di Gambellara; la portata non è continua nel primo tratto, mentre a valle di Gambellara il flusso d'acqua permane tutto l'anno anche se piuttosto ridotto (circa 200 l/s).
Nel tratto di pianura riceve gli apporti di altri piccoli torrentelli e di scoli irrigui che contribuiscono ad incrementare la portata.
La qualità delle acque è discreta nel tratto collinare, mentre a valle riceve gli scarichi urbani dei centri abitati che alterano la qualità complessiva dell' ambiente acquatico.

La fauna ittica

Sono stati effettuati 27 campionamenti in 12 stazioni nel bacino idrografico del T. Chiampo. Di queste, 4 sono posizionate nell'asta principale (14 campionamenti) e 8 negli affluenti laterali (13 campionamenti).
In Tabella 2 sono riassunte la densità stimata, la biomassa stimata e la produzione di ogni singola stazione (ove è stato possibile calcolarla).
Nella parte alta del T. Chiampo sono state trovate popolazioni di trote fario discretamente strutturate e con valori di densità e biomassa buoni.
Da Crespadoro a valle, fino a Chiampo, la struttura delle popolazioni salmonicole è fortemente alterata a causa delle massicce immissioni di esemplari adulti (pronta cattura).
In questo tratto la densità media è di 0.11 ind/m2 per una biomassa di 11.278 g/m2.
La densità media negli affluenti è di 0.187 ind/m2 con una biomassa stimata di 4.929 g/m2, valore quest'ultimo non elevato.
Nel tratto in corrispondenza dell'abitato di Chiampo sono state ritrovate popolazioni di sanguinerole e ghiozzi.
Nel tratto pedemontano il T. Chiampo è per lunghi mesi privo di acqua e non accoglie popolamenti ittici stabili.