Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Documentazione e modulistica uffici

Nuovo Polo Universitario

pubblicato il 16/04/2010

 

Progetto polo universitario di Viale Margherita area "R. Mezzalira"

progettomezzalira.jpg

Università a Vicenza: inaugurati lavori nuova sede di Viale Margherita

Si apre un nuovo capitolo per lo sviluppo della provincia vicentina. L'università a Vicenza avrà una nuova sede, a ridosso del centro storico, completa di servizi e collegamenti : una vera e propria cittadella universitaria i cui lavori sono stati inaugurati lunedì 13 novembre scorso, durante una cerimonia officiata dai tre rappresentanti di vertice dei tre enti che fanno parte della Fondazione Studi universitari. Il Presidente della Provincia Manuela Dal Lago, il sindaco della città Enrico Hullweck e il Presidente della Camera di Commercio Dino Menarin hanno posto la prima pietra simbolica al centro di un'area di oltre 16 mila seicento metri quadri, la cosiddetta area ex Cosma denominata "R.Mezzalira".
L'università a Vicenza ha avuto una storia piuttosto travagliata, ma dal 1990 ad oggi l'intento degli enti è stato unanimemente rivolto a un suo potenziamento e a un suo sviluppo a partire dalla consapevolezza che l'università, quale centro culturale e di innovazione, dovesse trarre linfa e contenuti nelle peculiarità stesse del territorio, diventando così autentico volano di ricerca, sperimentazione e innovazione. Da qui la vocazione prevalentemente ingegneristica ed economica delle facoltà che oggi sono fra le eccellenze nel panorama nazionale. I tempi sono insomma più che maturi per una sede ampia e rispondente al grande afflusso di popolazione studentesca.
Il Presidente della Provincia Manuela Dal Lago, ha ricordato, durante la cerimonia, gli albori della prima sede universitaria vicentina, ovvero la speciale ospitalità data dai Frati di Monte Berico a un ateneo che muoveva i suoi primi passi, poi la sede di San Nicola, quasi undici anni dopo, infine la progettazione nell'area di Viale Margherita.

I costi

I lavori relativi al primo stralcio di interventi verranno ultimati in ventiquattro mesi e la spesa complessiva prevista è di 8 milioni quattrocento 41 mila euro di cui 5 milioni cinquecento trenta rappresentano il contributo della Fondazione Cariverona, che ha condiviso l'iniziativa e gli intenti della Fondazione Studi Universitari ed ha determinato di supportare l'iniziativa tramite un fondo erogato alla Provincia di Vicenza. Altri 2 milioni di euro sono stati integrati in una seconda fase per sistemare gli esterni del complesso, le passerelle di accesso e le vie di sbocco verso Viale Margherita. Inoltre verrà realizzata una Sala convegni - auditorium che sopperirà alla carenza di una spazio cittadino a disposizione di convegni, conferenze, seminari.

Il progetto

L'Edificio è un rettangolo di 35 x 45 metri, suddiviso in tre corpi paralleli. Il Piano terra è riservato ai garage, con 37 posti auto e 121 posti per ciclomotori; il primo livello è destinato ad un grande atrio con la portineria, la segreteria studenti, locali destinati a uffici e due aule da 60 e 120 posti, il secondo livello ospita tre aule rispettivamente da 60, 120 e 240 posti, affacciate su un grande atrio parzialmente a doppia altezza, con una reading-room, il terzo livello è destinato agli uffici, cinque stanze per i professori, tre per seminari, una sla riunioni, un locale CED e un laboratorio informatico, la biblioteca.
La sala convegni ha una capacità di 300 posti e unisce i due livelli dell'edificio e trova al primo livello una ampia hall con caffetteria e servizi separata dalla zona universitaria da una grande vetrata.
Il corpo centrale serve da atrio e spazio di relazione ed è a due (e parzialmente a tre) livelli, con grandi ballatoi.
E' illuminato naturalmente dalle grandi vetrate alle estremità e parzialmente dall'alto, attraverso i grandi vuoti ricavati nel solaio al secondo livello.
Dal rettangolo fuoriesce il corpo della Sala Convegni della Provincia, che denota così la sua diversa natura ed appartenenza.
La copertura dei due corpi esterni e di quello centrale è a botte, con alcune terrazze.