Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Notizie stampa

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / Archivio news / 2010 / Inaugurata la palestra alla cittadella degli studi di Vicenza

Inaugurata la palestra alla cittadella degli studi di Vicenza

pubblicato il 12/05/2010

Una palestra per due. Realizzata dalla Provincia di Vicenza in via Baden Powell ad uso degli Istituti Montagna e Boscardin e inaugurata ufficialmente questa mattina dall'Assessore Provinciale al Patrimonio Nereo Galvanin alla presenza del Vice-Presidente Dino Secco, dell'Assessore alla Scuola Morena Martini, di una folta rappresentanza di consiglieri provinciali, dei dirigenti scolastici Vanna Santi e Mauro Maria Perrot e delle massime autorità scolastiche provinciali.

“Negli ultimi anni – spiega l'Assessore Galvanin - la logica della Provincia è stata quella di dismettere le vecchie sedi degli istituti scolastici, che comportavano spese di affitto perché di proprietà di terzi, e costruire nuovi edifici più funzionali, possibilmente raggruppando più istituti in vere e proprie cittadelle degli studi in modo da razionalizzare gli spazi condividendo servizi, laboratori e attrezzature. Per quanto riguarda questa struttura, il progetto è stato inserito nel 2005 nel piano opere pubbliche della Provincia per un costo di 1.850.000 euro. I lavori sono iniziati il 22 ottobre 2007 e sono terminati il 14 maggio 2009. Poi sono stati realizzati lavori complementari, fornitura di attrezzature, sistemazioni esterne. L’edificio ha una superficie di 1.340 metri quadrati”.

Nella scelta della localizzazione sono stati tenuti presenti fattori sia di valore estetico che ambientale. L’orientamento nell’asse nord-sud permette di avere un’ottima illuminazione naturale, con risparmio quindi su quella artificiale. La grande vetrata a nord permette inoltre un’ampia visione sull’area verde per atleti e spettatori. La dimensione degli spazi esterni consentirà, nel futuro, l’installazione di ausili per lo svolgimento di attività sportive all’aperto.

“Oltre all'illuminazione naturale, una adeguata coibentazione permette inoltre di trattenere il calore, con risparmio sui costi per la produzione. Da sottolineare a tal proposito che il riscaldamento della palestra avviene a pavimento attraverso una centrale di teleriscaldamento, con formula quindi rispettosa dell’ambiente, a garanzia di un risparmio energetico e dei relativi costi”.

La struttura è utilizzabile contemporaneamente da due classi grazie ad una tenda mobile motorizzata. E nelle ore serali l'edificio è utilizzato anche dalle società sportive autorizzate dalla Provincia essendo i campi regolamentari e omologabili per pallavolo e pallacanestro: “Nelle 15 palestre di nostro proprietà trovano sede 37 associazioni sportive per un totale di 4.600 ore annue”.

Anche per questo l'intervento dell'Assessore Martini diventa un appello ai ragazzi: “Non distruggete ciò che vi viene dato, questa palestra è un bene prezioso prima di tutto per voi”.