Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Focus

Tu sei qui: Home / Focus / Rucco e Orsi “Giusta la preoccupazione di Fracasso, ma non siamo mai stati così vicini al traguardo del prolungamento a nord della Valdastico”

Rucco e Orsi “Giusta la preoccupazione di Fracasso, ma non siamo mai stati così vicini al traguardo del prolungamento a nord della Valdastico”

pubblicato il 09/09/2019

Rucco e Orsi “Giusta la preoccupazione di Fracasso, ma non siamo mai stati così vicini al traguardo del prolungamento a nord della Valdastico”

“Prendo atto delle considerazioni del Consigliere Regionale Stefano Fracasso sul tema del prolungamento a nord della Valdastico” - dichiara il sindaco di Schio e Consigliere Delegato alle grandi infrastrutture della Provincia di Vicenza - “ma è utile precisare che oggi, più che mai, siamo in grado di programmare le linee di comunicazione del territorio sapendo che il quadro è stabile. In realtà” - continua Orsi - “la regola è che oltre i 500 chilometri la mobilità va strutturata su ferrovia, mentre al di sotto di questo limite si deve restare sul trasporto cosiddetto su gomma, altrimenti non si rientra dagli investimenti. La Provincia di Vicenza proseguirà il suo lavoro sulla A31, programmando gli adeguati attraversamenti necessari ai diversi territori e con la Provincia di Trento è in corso, da tempo, una costruttiva collaborazione finalizzata ad accelerare al massimo i tempi di esecuzione.”.

“Per Vicenza e la nostra provincia questa è un’opera importantissima dal punto di vista logistico” - aggiunge il Presidente della Provincia di Vicenza, Francesco Rucco - “e sarebbe un grave errore un ripensamento quando siamo a pochi metri dal traguardo, che in questo caso è l’avvio dei lavori. La Regione del Veneto sta aspettando le eventuali modifiche al progetto, che i territori hanno già ricevuto, ma, una volta che le modifiche saranno accolte, si potrà procedere con la fase esecutiva. Chi se la sente di fermare un’opera che Vicenza attende da trent’anni e forse più? Noi no.”

archiviato sotto: