Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Focus

Tu sei qui: Home / Focus / Nuova viabilità di Debba: al via la progettazione. Rucco: “Un traguardo importante. L'anno prossimo la gara per i lavori”

Nuova viabilità di Debba: al via la progettazione. Rucco: “Un traguardo importante. L'anno prossimo la gara per i lavori”

pubblicato il 03/04/2020

Nuova viabilità di Debba: ci sono i progettisti. Sono il raggruppamento di imprese capitanato da E-Farm Engineering & Consulting Srl di Vigonza (PD) con Proteco Engineering srl, Studio Ingegneria Strutturale Organte e Bortot (S.I.St.), TFE Ingegneria Srl, Arcsat snc e il geologo Federico Pizzin.

Il ribasso offerto è del 38,65% sui quasi 500mila euro messi a gara ( 497.414,85 per la precisione) per la progettazione del primo stralcio funzionale della nuova viabilità di  collegamento tra la SP 247 Riviera Berica in località Debba e il casello autostradale di Vicenza Est.

Ad annunciarlo è stato questa mattina il Presidente della Provincia Francesco Rucco, che sta seguendo l'iter di quest'opera con particolare interesse anche in veste di sindaco di Vicenza visto che la nuova infrastruttura risolverà un nodo strategico della viabilità comunale oltre che provinciale.

La gara è curata dalla Stazione Unica Appaltante della Provincia che, in piena operatività, ha rispettato il cronoprogramma della procedura fino all'apertura questa mattina dell'offerta economica da parte della Commissione giudicatrice.

La tempistica della progettazione comincerà a scorrere dopo che verrà sottoscritto il contratto con il raggruppamento vincitore. Sono previsti 30 giorni per il documento di fattibilità delle alternative progettuali, 45 giorni  per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica, 60 giorni per la progettazione definitiva e 45 giorni per la progettazione esecutiva.

Sempre la ditta vincitrice dovrà inoltre occuparsi di direzione lavori e contabilità delle opere appaltate, predisposizione e presentazione della documentazione per l’acquisizione dei necessari pareri agli enti competenti, coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, relazione geologica.

Difficile adesso ipotizzare l'inizio dei lavori, a causa di sospensioni e proroghe che potrebbero allungare i tempi, ma verosimilmente il prossimo anno potrebbe partire la gara per il loro appalto.

“Certo il percorso è ancora lungo -commenta il Presidente Rucco- ma l'abbiamo iniziato e lo porteremo avanti con tenacia. Dopo vent'anni di proclami a cui non è mai seguito nulla di concreto, direi che già quello di oggi è un traguardo importante.” Che risolve, per inciso, l'annoso problema del ponte di Debba, oggi ad una sola corsia per senso di marcia, e mette mano all'intera viabilità della zona. “Il progetto -prosegue Rucco- deve tenere conto del contesto di particolare pregio ambientale e paesaggistico, dell'area golenale del Bacchiglione e della presenza di architetture di pregio. E chiediamo che un occhio di riguardo sia riservato a pedoni e ciclisti.”

“Un obiettivo intermedio importante -afferma il consigliere provinciale con delega alle grandi infrastrutture Valter Orsi- raggiunto grazie all'intento condiviso tra Provincia, Comune di Vicenza e Comune di Longare. Intermedio perchè questo affidamento porterà alla realizzazione del primo stralcio facente parte di una visione più complessa che servirà e migliorerà un'ampia area.”

Il consigliere del Comune di Vicenza Marco Zocca, che da anni sta seguendo le sorti di quest'opera, sottolinea che: “Ora che sappiamo chi sono i progettisti, possiamo cominciare a prevedere momenti di dialogo e confronto con la popolazione e con i portatori di interessi, come chi quest’area la vive per motivi di lavoro, perché possano essere ascoltate e recepite le esigenze di chi meglio la conosce.  E' un orgoglio -conclude Zocca- far parte dell'amministrazione che sta dando una svolta concreta alla viabilità di una zona densamente abitata.”

L'intervento completo, del valore di 17,7milioni di euro, prevede la  realizzazione di una rotatoria sulla SP Riviera Berica, un nuovo ponte sul fiume Bacchiglione e il collegamento con la rotatoria sulla strada S. Pietro Intrigogna e con il casello di Vicenza Est dell’A4.

Questo primo stralcio prevede la realizzazione della rotatoria sulla SP 247 Riviera Berica, il nuovo ponte sul fiume Bacchiglione, una nuova rotatoria su strada San Pietro Intrigogna e il tronco stradale di collegamento. Costa 9,2milioni di euro, in parte a carico della Provincia di Vicenza (7,7milioni di euro) e in parte del Comune di Vicenza (1,5milioni di euro).

IL PROGETTO DI PREFATTIBILITA'

Secondo quanto già ipotizzato dallo studio di prefattibilità, la rotatoria sulla SP247 dovrebbe avere un diametro esterno pari a 47 metri con anello giratorio di 8 metri. Il ponte sul fiume Bacchiglione dovrebbe avere due corsie di marcia, una per ogni senso, e due marciapiedi laterali. L’ipotesi prevede le interconnessioni con il territorio attraversato dalla strada San Pietro Intrigogna, in modo da raccordare direttamente il primo tratto della strada con l’abitato di S. Pietro Intrigogna e con le strade comunali della Pelosa e del Businello.

Gli obiettivi sono due: rendere più fluida e sicura la viabilità lungo la Riviera Berica, migliorando il collegamento tra la parte est e sud della provincia, e sgravare da traffico e inquinamento i residenti dell'area, in particolare le frazioni di Santa Croce Bigolina e Campedello.

Il progetto riserva una particolare attenzione alla mobilità lenta, pedoni, ciclisti e  utenza debole (anziani, disabili, giovanissimi), i flussi infatti verranno separati e l’attuale strada dei Ponti di Debba sarà destinata a pista pedonale ciclabile per garantire una generale maggior sicurezza.

archiviato sotto: