Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Focus

Tu sei qui: Home / Focus / Adottato il Protocollo d’intesa tra Provincia di Vicenza, Tribunale di Vicenza e Comune di Sovizzo

Adottato il Protocollo d’intesa tra Provincia di Vicenza, Tribunale di Vicenza e Comune di Sovizzo

pubblicato il 09/09/2019

Anche il Comune di Sovizzo aderisce al “Protocollo d’intesa nell’ambito della gestione della volontaria giurisdizione per il miglioramento dell’efficacia dei servizi di giustizia relativi alle materie legate alla protezione giuridica e all’amministrazione di sostegno” con la Provincia di Vicenza e il Tribunale di Vicenza.

Questo Protocollo, ideato e promosso dal Presidente del Tribunale di Vicenza, Dott. Alberto Rizzo, persegue l’obiettivo di agevolare l’accesso ai servizi erogati dalla volontaria giurisdizione per soggetti affetti da disabilità.

Il contatto con il giudice, infatti, avviene direttamente presso il domicilio del cittadino, utilizzando un pc, un notebook o un altro device dotato di webcam e microfono, e l’applicativo Lync, integrato al pacchetto Microsoft Office, o il software open source Skype.

Il Sindaco del Comune di Sovizzo Paolo Garbin dichiara “Ho sempre creduto in questo progetto, che riconosce e tutela la necessità delle persone più fragili di avere accesso ad una rete di sostegno ma anche a tutti quei servizi pubblici di giustizia. La firma di questo Protocollo, per il Comune di Sovizzo, rappresenta un importante passo avanti in termini di solidarietà civile e sostenibilità sociale.”

Il Presidente della Provincia di Vicenza Francesco Rucco aggiunge “È un progetto che tutela e rispetta la dignità e la sofferenza dei più deboli, che si trovano, parzialmente o temporaneamente, privati dell’autonomia per compiere anche le più semplici azioni di tutti i giorni e che hanno, pertanto, diritto a interventi di sostegno. Con questo Protocollo, a cui sempre più Comuni stanno aderendo, si garantisce alla persona non autonoma un effettivo superamento dei propri limiti.”

archiviato sotto: