Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Consigliera di Parità

Tu sei qui: Home / Consigliera di Parità / News / Lettera-appello della Consigliera di Parità a Regione e Comuni: “Le risorse europee vengano utilizzate per favorire l’occupazione femminile e il welfare”

Lettera-appello della Consigliera di Parità a Regione e Comuni: “Le risorse europee vengano utilizzate per favorire l’occupazione femminile e il welfare”

pubblicato il 28/05/2021, ultima modifica 07/06/2021

Vicenza, 31 marzo 2021 - La Consigliera di Parità della Provincia di Vicenza Francesca Lazzari ha scritto una lettera-appello alla Regione, ai Comuni vicentini, alla Consigliera di Parità regionale e alle Commissione pari opportunità del Veneto per invitarli ad adoperarsi, ognuno nel proprio ruolo, affinché le risorse europee vengano indirizzate a contrastare con coraggio e chiarezza le disuguaglianze di genere e orientate a far crescere l’occupazione femminile, sia attraverso un riordino della spesa regionale e comunale,sia creando nuove infrastrutture sociali e una vera economia della cura, indicando misure di medio-lungo periodo e riforme immediate che rispondano alle richieste di servizi delle donne e delle famiglie del nostro territorio.

Il tema è il PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza) legato al Recovery Fund. Ingenti risorse da investire per costruire il futuro del Paese. Che però devono necessariamente tenere conto di un dato: l’aumento di situazioni difficili nel mercato del lavoro,soprattutto femminile e giovanile, nel nostro territorio.

“La sfida epocale -afferma la Lazzari- è coniugare politiche più efficaci, altamente capacitanti, creando processi virtuosi tali per cui il welfare non rappresenti più solo un costo per il territorio, per l’economia e la società nel suo insieme, ma l’opportunità per ridisegnare il futuro a partire dalla sanità di prossimità e territoriale di base, dal sistema scolastico e formativo, dall’inversione della dinamica demografica incentivata da misure di sostegno alla natalità, dalle proposte per contrastare le povertà educative, dalle politiche di aggregazione più capillarmente diffuse, dalle politiche attive e degli ammortizzatori sociali.”


Files