Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Villa Cordellina Lombardi

Tu sei qui: Home / Villa Cordellina Lombardi / Storia della Villa

Storia della Villa

Carlo Cordellina Molin, celeberrimo avvocato veneziano, diede inizio ai lavori della villa di Montecchio Maggiore su un'antica casa ereditata dallo zio Molin verso il 1735. I Lavori, che durarono fino al 1760, furono affidati all'architetto Giorgio Massari, come risulta da un documento ottocentesco.

Peraltro per alcune soluzioni del grande complesso fu interpellato anche Francesco Muttoni, che a Vicenza era riuscito a coniugare la tradizione palladiana con le forme barocche. Massari è più fedele a Palladio, chiamato in causa per il pronao ionico della facciata.

Nel 1743 la villa doveva essere funzionante se il Tiepolo era sul posto a decorare con affreschi il salone della residenza padronale. La villa rimase di proprietà di Lodovico Cordellina, figlio di Carlo, fino ai primi decenni dell'ottocento, quando fu unita al collegio-convitto Lodovico Cordellina, che da soggiorno per gli allievi la trasformò in uno stabilimento di allevamento del baco da seta.

Nel 1943 passò al conte Gaetano Marzotto e nel 1954 al dott. Vittorio Lombardi che provvide al generale restauro degli immobili e alla ricostituzione dei giardini.

Anna Maria Lombardi, vedova del dott. Vittorio, cedette la Villa e l'annessa Cappella Pizzocaro all'Amministrazione Provinciale di Vicenza, attuale proprietaria, a cui va il merito del restauro degli affreschi del Tiepolo e della Scuderia e del recupero del grande Rustico, pure originale creazione di Giorgio Massari su preesistenti edifici di proprietà Molin.