Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / Provincia virtuosa: tempi brevi per i pagamenti

Provincia virtuosa: tempi brevi per i pagamenti

pubblicato il 18/04/2016

Parola d'ordine, tempestività. La Provincia di Vicenza si conferma quantomeno virtuosa nel pagamento delle transazioni commerciali riducendo i tempi di attesa di 6,6 giorni. Questo significa che la forbice tra le date di scadenza delle fatture emesse e le date di pagamento si riduce ulteriormente consentendo a ditte ed imprese di ottenere gli importi anche prima delle scadenze prefissate dalla legge. Così un pagamento a 30 giorni può essere corrisposto in 24, per la soddisfazione di chi ne beneficia. “Se non è un piccolo record a livello di pubbliche amministrazioni – sottolinea il Presidente della Provincia Achille Variati – poco ci manca dal momento che si va a sovvertire completamente una tendenza ed una logica che in vari momenti ha spinto le categorie economiche, Confindustria in testa, a richiami importanti”.

Nessuna bacchetta magica, solo alcune misure nate dal buonsenso e dalla professionalità degli uffici provinciali. Innanzitutto, con tutti gli uffici, è stata definita una matrice dei pagamenti a garanzia della tempistica. Per ridurre ulteriormente i tempi con l'attuale convenzione di tesoreria è previsto che il pagamento sia contabilizzato nel conto del fornitore già il giorno successivo (e non più nei 3 della precedente convenzione). Le pratiche al fine di evitare ritardi nei pagamenti sono catalogate ed evase per ordine di scadenza (la data è inserita in sede di registrazione elettronica della fattura e pertanto lo scadenziario è sempre aggiornato). I mandati di pagamento sono elettronici e con firma digitale già dal 2010.

“Nel 2015, su un totale di 31,9 milioni di euro di fatture pagate solo 2.852.799,51 euro sono stati saldati dopo la scadenza dei termini previsti, ma questo perché la fatturazione presentata non era in regola o era incompleta”.