Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / Premio "Città del Libro" a 5 Comuni vicentini

Premio "Città del Libro" a 5 Comuni vicentini

pubblicato il 26/05/2017

Vicenza, Bassano del Grappa, Marostica, Thiene e Valdagno. Tutte e cinque premiate con il riconoscimento “Città del Libro” assegnato dal Ministero dei Beni   e delle Attività Culturali nell’ambito del Progetto “Città che Legge”. Finalità del bando, cui hanno partecipato 520 Comuni di cui 366 i premiati, era quello di evidenziare, sostenere, promuovere e rendere replicabili tutte le attività che puntano a potenziare l’offerta di base, specialmente nelle realtà più disagiate, mobilitando i lettori ed attivando i non lettori, a coinvolgere nell’attività biblioteche, scuole, librerie, associazioni culturali e via dicendo, e a stimolare l’originalità e la coerenza delle iniziative nonché la loro durata nel tempo e il radicamento nel territorio.

“Il bando – ricorda il Consigliere Delegato alla Cultura Francesco Enrico Gonzo - è stato portato avanti dal mio predecessore, la Consigliere Chiara Luisetto, e premia il lavoro svolto, e non solo nel 2016, dalle nostre amministrazioni comunali. Sottolineo che Vicenza ha 7 biblioteche cittadine pubbliche e 22 biblioteche scolastiche in rete, più altre biblioteche private di natura specialistica con funzioni pubbliche, che hanno promosso tantissime iniziative di promozione della lettura; Marostica vanta una intensa attività culturale;  Bassano promuove la lettura attraverso programmi che prevedono una collaborazione stabile tra enti pubblici, mondo della scuola e soggetti privati; Valdagno, con la biblioteca civile Villa Valle, ha promosso e promuove l’azione dei lettori volontari, realizzando un intervento coordinato e collettivo per incrementare gli indici di lettura nel territorio; infine Thiene si caratterizza per gli approfondimenti storici e culturali. Credo possiamo andare fieri di tutto ciò ed il premio ministeriale conferma che la nostra realtà eccelle anche in questo campo”.

Ed è solo la punta dell’iceberg.