Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / Maxi sequestro ad Arzignano: 170 kg di pesce catturato abusivamente

Maxi sequestro ad Arzignano: 170 kg di pesce catturato abusivamente

pubblicato il 25/01/2016

Importantissima operazione antibracconaggio svolta congiuntamente dai Carabinieri di Arzignano e dalla Polizia Provinciale di Vicenza. Tutto è cominciato dopo un controllo effettuato dai militari dell'Arma davanti all'ospedale civile arzignanese a carico di un terzetto di cittadini stranieri, due fratelli rumeni I.C. ed I.M. residenti a Lonigo, ed un indiano. Insospettiti dal fitto conciliabolo vicino ad una station wagon, trasformata in una sorta di bancone clandestino. Solo che alla fiera illegale dell'Est non si stava trattando l'acquisto di topolini, ma di una forte quantità di pesce appena catturato senza nessuna licenza o requisito per l'esercizio della pesca. Così, per verificare dubbi e sospetti, i Carabinieri decidevano di avvertire il Corpo Forestale dello Stato che a sua volta contattava la Polizia Provinciale, deputata a questo tipo di controlli. L'ispettore Francesco Nassi, arrivato con il collega Gilberto Corà, racconta: “Sabato, nel tardo pomeriggio, siamo stati contattati mentre eravamo in servizio e così ci siamo recati in Caserma ad Arzignano dove i militari dell'Arma avevano portato queste persone per ulteriori accertamenti. L'auto, infatti, era risultata completamente stipata di sacchi neri di grandi dimensioni, pieni di pescato, in particolare carpe di media e grossa taglia”.

Non qualche chilo, come prevede la legge, ma più di un quintale e mezzo, 170 chilogrammi per la precisione. “I due fratelli rumeni non avevano né licenze né alcuna documentazione che potesse certificare un eventuale acquisto lecito di quanto trasportavano, così, in presenza dei Carabinieri, gli abbiamo chiesto dove lo avessero preso ma non hanno saputo identificare la zona. Inoltre hanno affermato di aver utilizzato le mani ed un bilancino, che non è stato però rinvenuto. C'erano invece un gancio in acciaio ed un'ancoretta di grossa misura per la pesca a strappo, tutti mezzi vietati. Tra l'altro il pesce era stato già in parte selezionato per specie e tre sacchi erano completamente vuoti ma imbrattati di muco e sangue fresco animale e questo fa sospettare che avessero già provveduto ad una prima vendita o cessione illegale”.

Di qui la decisione di procedere ad un verbale. Contestati in particolare la pesca senza licenza con conseguente evasione delle tasse di concessione regionale, i l superamento del limite massimo di cattura di 5 chilogrammi, l'utilizzo di strumenti vietati, la cattura di pesce di misura inferiore alla minima prevista per un totale cadauno di 544 euro di sanzione amministrativa con sequestro di quanto rinvenuto. E manca ancora la verifica delle norme igienico-sanitarie previste sul trasporto ed il commercio di fauna ittica.

“Circa il pesce, trattasi di 150 carpe a specchio e regina, alcune delle quali di peso compreso fra i 4 ed i 6 chili mentre 60 sono di misura inferiore alla minima prevista, 30 carassi, 20 abramidi, 110 pesci gatto, 4 lucioperca e 1 siluro. Trentatre carpe di media e grossa taglia ed ancora vive sono state liberate, subito dopo il sequestro, nei nostri fiumi. Il fenomeno del bracconaggio intensivo delle carpe, molto ricercate soprattutto tra i cittadini dell'Est Europa, sta assumendo proporzioni enormi, anche se qui da noi ancora contenute. Solamente per il bacino del Po, al quale sospettiamo si riferisse il “par de là” dei due fratelli, il commercio illegale di tale specie è quantificato in milioni di euro, visto che una carpa medio-piccola ha un valore di 5-6 euro al kg ed una viva, superiore ai 10 kg, può valere dai 100 ai 150 euro”.

L'ispettore Nassi, nel confermare che si tratta di una “prima volta” nella nostra provincia, coglie l'occasione per ringraziare i Carabinieri per la grande intuizione avuta e che ha permesso di far venire a galla questa situazione nonché “per la grande disponibilità umana e logistica nei nostri confronti. Inoltre annuncia che la Polizia Provinciale di Ferrara, saputo il fatto, li ha invitati ad un incontro congiunto, il prossimo 3 Febbraio, per mettere a punto strategie ed interventi antibracconaggio.

Grande la soddisfazione del Presidente della Provincia di Vicenza Achille Variati che, anche nella veste di di Presidente Nazionale dell'Upi, ha condotto una decisa azione perché il corpo provinciale non fosse smantellato. “Come volevasi dimostrare, questi agenti sono un presidio di professionalità ed esperienza fondamentale per ogni territorio e per il nostro in particolare. La loro presenza, l'abilità e l'attenzione maturate in decenni di servizio, sono un patrimonio da non disperdere e che viene via via riconosciuto anche da altri settori dello Stato. La sinergia con l'Arma dei Carabinieri è un altro motivo di grande orgoglio”.