Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / La collettiva d'arte Veritas si fa in tre, tra Vicenza e Dueville

La collettiva d'arte Veritas si fa in tre, tra Vicenza e Dueville

pubblicato il 31/08/2017

Settanta artisti provenienti da Italia (31), Germania (26) e Francia (13) per 150 opere di arte moderna. Parte venerdì 1° Settembre - inaugurazione ufficiale alle 18.30 a Villa Monza di Dueville - “Veritas”, collettiva d’arte internazionale frutto del progetto di gemellaggio artistico europeo “Kunstrasse/Rue des Arts/Strada dell’Arte”.

Per un mese, fino al 1° Ottobre, gli spazi espositivi del palazzo comunale duevillese, Hands spazio eventi d’arte di contrà SS.Apostoli e Spazio D, a San Francesco Vecchio, sotto la sapiente guida di Metamorfosy Galleri ospiteranno opere ma anche workshop di lavoro e laboratori in cui una ventina di artisti interagiranno con gli spettatori durante la realizzazione di dipinti e sculture. E non è finita, giacché ogni domenica alle ore 18 gli studenti del Liceo Linguistico Oxford di Vicenza

Presenti il Sindaco di Dueville Giusy Armiletti, accompagnata dall'Assessore alla Cultura Marisa Binotto ("Il prossimo anno contiamo di allargare anche alla Spagna"), i titolari dei due spazi espositivi cittadini Francesca De Munari e Manuela Veronesi, la coordinatrice dell'evento dottoressa Stefani e gli artisti Ulrich Kost (della Kunstverein di Schoerdorf) e Didier Cristophe (La Cour des Arts di Tulle), il Consigliere Delegato Provinciale alla Cultura Francesco Enrico Gonzo ha sottolineato: "L'arte si conferma come veicolo di dialogo ed incontro fra popoli, culture e sensibilità diverse. E' bellissimo che questo contagi positivamente anche altre realtà soprattutto in un momento storico come questo in cui l'idea di Europa si ritrova a dovere fare i conti con il bisogno di identità nazionale che sorge da più parti. Dobbiamo armonizzare pensieri e idee e tradurle in parole ed in opere di grande e comune respiro".