Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / Istituto Alberghiero di Asiago: lavori in corso per la nuova sede

Istituto Alberghiero di Asiago: lavori in corso per la nuova sede

pubblicato il 12/05/2016

“Oggi si realizza il sogno di una cittadella degli studi di Asiago”. Mario Porto, dirigente scolastico dell'Istituto Superiore di Asiago Mario Rigoni Stern, ha salutato con queste parole il sopralluogo di Ennio Tosetto, consigliere provinciale delegato all'edilizia scolastica, al cantiere della nuova sede dell'istituto alberghiero.
Tremila metri quadrati di superficie coperta che ospiteranno sia le aule che i laboratori, cucina e sala ristorante comprese, unificando in un unico complesso un istituto che oggi è costretto a dividersi in più sedi e liberando i locali oggi “presi in prestito” alla scuola primaria, che torneranno quindi a disposizione dei bambini.

I lavori riguardano il complesso di villa Zecchin, con ristrutturazione dell'esistente e realizzazione di un nuovo edificio, disegnando una C attorno ad uno spazio aperto centrale, in armonia con l’ambiente naturale circostante.
“Un investimento di 1,3milioni di euro -ha commentato Tosetto, accompagnato dai tecnici provinciali che stanno seguendo i lavori- voluto dalla Provincia e dal suo Presidente Achille Variati per dare una risposta concreta all'esigenza di spazi di un istituto storico e prestigioso. Avevamo un progetto fermo da anni, che è stato sbloccato e aggiornato. In pochi mesi i tecnici provinciali hanno completato la procedura amministrativa e consegnato i lavori all'Impresa Pernechele Costruzioni di Lusiana che si è aggiudicata la gara. Tra un anno contiamo di essere qui a inaugurare la scuola.”

Una scuola fortemente legata al territorio, ha sottolineato Alessio Barolo, consigliere comunale di Asiago delegato all'istruzione, a nome di una Giunta Comunale che oggi ha voluto essere presente al completo (unico assente giustificato il Sindaco Roberto Rigoni Stern impegnato in udienza). “Un'opportunità per i nostri ragazzi -ha sottolineato Barolo- il nuovo complesso risponderà non solo all'esigenza dell'alberghiero, perché a ridosso ci sarà un laboratorio all'aperto per gli studenti dell'Agrario, dove produrre frutta autoctona dell'Altopiano. In questo modo si creerà una filiera cortissima del cibo, dalla produzione al consumo.”
Con un'ambizione, che è anche un progetto attualmente allo studio di Provincia, Comune e scuola: recuperare la casa del custode di fianco a villa Zecchin e farne un polo turistico dove esporre le eccellenze enogastronomiche dell'Altopiano.

“Siamo un istituto di montagna -ha affermato il Preside- e con orgoglio posso dire che quest'anno abbiamo superato i 760 iscritti, con previsioni di aumento per l'anno prossimo. Significa che la nostra è una scuola di qualità e il fatto che la Provincia abbia deciso di investire qui è per noi un riconoscimento importante.”
Un “riconoscimento” che la Provincia ha destinato anche all'istituto tecnico di Asiago, dove sono stati recentemente sostituiti tutti i serramenti per un valore di 250.000 euro. “Ma che testimonia, più in generale, l'attenzione che il nostro ente riserva alle scuole -ha concluso Tosetto- abbiamo risorse molto limitate e anche il personale è stato drasticamente ridotto, ma la scuola è e rimarrà una nostra priorità.”

DESCRIZIONE DEI LAVORI

Edificio esistente
Il progetto prevede il recupero dell’edificio contenendo gli interventi di demolizione e di nuova ricostruzione. Al piano terreno verranno realizzate due aule nell’attuale aula prospiciente l’atrio, ed un nuovo ingresso sul prospetto nord. Viene mantenuta la conformazione dell’ingresso e dell’atrio attuale. Il primo piano è destinato a tre aule e alla sala professori. Al secondo piano sono collocate quattro aule con i relativi servizi, mentre nel sottotetto vengono mantenute le attuali destinazioni dei locali accessori.
Tutti gli interventi sono volti ad affinare l’impianto distributivo dei vari piani dell’edificio, migliorando la fruizione dell’edificio da parte dei disabili.
È previsto il rifacimento degli intonaci esterni, il risanamento degli elementi deteriorati e della copertura. Il manto di copertura, in particolare, verrà sistemato e sostituito con un nuovo manto in lamiera di rame nelle falde. Sopra alla copertura verrà posizionato un pannello fotovoltaico che garantirà la produzione necessaria di energia elettrica.

Il nuovo edificio
Il nuovo corpo di fabbrica, che ospiterà i locali per le esercitazioni pratiche della scuola alberghiera, ha una conformazione planimetrica ad L, e si accosta al fronte orientale dell’edificio esistente realizzando una C attorno ad uno spazio aperto centrale, in modo da non entrare in conflitto con l’edificio e l’ambiente naturale esistente.
Al piano terra sono collocati i locali per la lavorazione e la preparazione del cibo (la cucina, la pasticceria, la lavanderia plonge, due spogliatoi, due servizi igienici, il deposito dei rifiuti e il magazzino per le derrate), mentre al piano primo è collocata la sala ristorante con il bar, il guardaroba, i servizi igienici relativi ed una lavanderia per la biancheria. Nella sala ristorante, in particolare, si è prestata attenzione alle finestre, ampie e collocate nei prospetti est e sud, in corrispondenza delle direzioni più panoramiche. La copertura è a due falde, con capriate e copertura a vista in legno.
Particolare attenzione, sia nell'ampliamento che nella ristrutturazione, è posta alla normativa in materia di sicurezza, antincendio, antisismica, risparmio energetico (fotovoltaico, cappotto isolante), accessibilità.

I LAVORI
I lavori sono iniziati il 29 febbraio 2016 e stanno procedendo secondo cronoprogramma. Terminate le operazioni preliminari di allestimento del cantiere, sono iniziati gli scavi per la realizzazione delle fondazioni e i riempimenti per la realizzazione dell'ampliamento. In contemporanea sono iniziati anche i lavori di ristrutturazione dell'edificio esistente con demolizioni di bagni, pareti e rimozioni di tutti gli elementi accessori come serramenti, smantellamenti impianti idrici ed elettrici.
La fine dei lavori è prevista per la primavera del 2017.

Conigliere provinciale delegato: arch. Ennio Tosetto
Dirigente Lavori Pubblici: arch. Andrea Turetta
Responsabile del Procedimento: geom. Luca Vellar
Direttore dei Lavori: ing. Alessandro De Marco
Progetto Esecutivo: Studio F&M Ingegneria di Mirano (VE)
Esecuzione Lavori: Pernechele Costruzioni di Lusiana (VI)