Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Notizie stampa / Cartucce e uccelli protetti in casa: denunciato un vicentino

Cartucce e uccelli protetti in casa: denunciato un vicentino

pubblicato il 14/10/2016

La caccia dal salotto di casa non si era ancora vista. Ovviamente non è proprio così, però il sistema messo in piedi da P.G., 60 anni, residente a Sovizzo, è di quelli per cui non serve camminare e spostarsi dalla propria abitazione. Sventato da una pattuglia della Polizia Provinciale, che ha permesso di sequestrare materiale vietato e di segnalare alla Procura della Repubblica per tutta una serie di violazioni penali l’anziano bracconiere.

In particolare si è provveduto a sequestrare due fucili monocanna, dotati di silenziatore, cartucce, un richiamo acustico artigianale completo di telecomando, un richiamo acustico artigianale munito di batteria 12 volt, un telecomando, n.15 cartucce calibro 36 e n.4 cartucce calibro 28 già sparate, n.434 cartucce calibro 36 e n.29 calibro 28 cariche, un tordo bottaccio con piume, morto, n.9 tordi bottacci spiumati, n.4 pispole spiumate, n.1 fanello spiumato, n.2 fringuelli spiumati oltre a n.15 pispole, n.1 fringuello, n.1 migliarino da palude tutti con piume.

Le violazioni? Utilizzo di armi munite di silenziatore, detenzione di specie protette e particolarmente protette, uso di richiami vietati.

Ridotti a una trentina di unità dai tagli romani, gli agenti della Polizia Provinciale di Vicenza non hanno proprio nessuna voglia di smettere di controllare il territorio. “Questo – sottolinea il Comandante Claudio Meggiolaro – grazie anche alla collaborazione della stragrande maggioranza del mondo venatorio, rispettoso delle regole. Sono loro i primi a condannare queste pratiche di bracconaggio e questo è un segnale importante”.