Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Lavoro

Tu sei qui: Home / Lavoro / Imprese, datori di lavoro e consulenti - Info / La legge di bilancio ha introdotto nuove forme di sotegno alle assunzioni

La legge di bilancio ha introdotto nuove forme di sotegno alle assunzioni

pubblicato il 19/01/2017
Incentivi previsti, confermati od abrogati.

Oltre alle misure destinate al Sud Italia, che ovviamente non riguardano il Veneto, è stato previsto un incentivo destinato ai datori di lavoro privati che hanno assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche in apprendistato, (con esclusione dei contratti di lavoro domestico e quelli relativi agli operai del settore agricolo), giovani che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, percorsi di alternanza scuola -lavoro o periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale.

Sono confermati gli incentivi per le assunzioni: di giovani iscritti a Garanzia Giovani; di donne discoccupate (non applicabile al Veneto); di lavoratori con età pari o superiore a 50 anni e disoccupati da oltre 12 mesi; di lavoratori in CIGS da almeno tre mesi o dipendenti di aziende beneficiarie di CIGSda almeno 6 mesi; di lavoratori percettori di NASPI e assunti con contratto a tempo pieno e indeterminato.

Rimangono inoltre accessibili gli incentivi previsti da leggi speciali per le assunzioni di disabili e lavoratori svantaggiati.

Si tenga presente che a partire dal 1 gennaio 2017 vi è stata l'abrogazione delle liste di mobilità e sono state abrogate anche le disposizioni che prevedono incentivi a favore delle imprese per favorire l'occupazione dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità. L'INPS con circolare 137/2012 ha chiarito che gli incentivi previsti dalla legge 223/1991 per i lavoratori in mobilità , si applicano solamente alle assunzioni, proroghe o trsformazioni avvenute entro il 31 dicembre 2016.

Con il 1 gennaio 2017 sono venuti meno anche gli incentivi previsti dalla legge di stabilità 2016 che prevedevano un esonero contributivo generalizzato per le assunzioni a tempo indeterminato e la previsione di decontribuzione totale per i contratti di apprendistato professionalizzante stipulati dai datori di lavoro che occupano meno di 10 dipendenti.