Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Focus

Tu sei qui: Home / Focus / Variante alla SP46: vertice con Anas in Provincia - Rucco: “Monitoraggi costanti e accelerare i tempi”

Variante alla SP46: vertice con Anas in Provincia - Rucco: “Monitoraggi costanti e accelerare i tempi”

pubblicato il 15/01/2020

La variante alla SP46 del Pasubio è stata al centro del vertice che si è tenuto questa mattina in Provincia tra Anas, Provincia di Vicenza e Comuni di Vicenza e Costabissara. “Un incontro che abbiamo chiesto ad Anas per fare il punto sull’avanzamento dei lavori - spiega il presidente della Provincia Francesco Rucco - ma anche un tavolo tecnico programmatico per cominciare a definire gli interventi necessari alla gestione del traffico una volta che i lavori interferiranno con la viabilità esistente”. Presenti all’incontro sia la parte politica, rappresentata dal Presidente Francesco Rucco per la Provincia, Maria Cristina Franco nella duplice veste di  vicepresidente della Provincia e sindaco di Costabissara, gli assessori Matteo Celebron e Mattia Ierardi del Comune di Vicenza, che la parte tecnica, con gli ingegneri Anas Antonio Marsella e Davide Pistolato e i tecnici della Provincia Andrea Baldisseri e del Comune Carlo Andriolo e Marco Sinigaglia.

Il punto, in sintesi, è questo: ci sono circa 5 mesi di ritardo dei lavori sul cronoprogramma originario, causati dal ritrovamento di 27 siti archeologici. Siti che, ad oggi, sono quasi tutti chiusi, pertanto si può procedere speditamente per arrivare a conclusione dell’opera senza ulteriori ritardi.

Da Anas sono arrivate due rassicurazioni. La prima riguarda i pagamenti alle ditte, che risultano essere regolari e puntuali in funzione della maturazione dei saldi. La seconda è la verifica costante sul cantiere e l’impegno a sollecitare le ditte perché i lavori vengano accelerati.

“Abbiamo stabilito di vederci una volta al mese -sottolinea la Franco- in modo da poter essere costantemente informati sull’andamento dei lavori e poter intervenire immediatamente in caso di necessità.”

“E’ un’opera strategica per il vicentino per cui abbiamo aspettato tanti, troppi anni -conclude Rucco- Ora bisogna accelerare.”

archiviato sotto: