Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Focus / Un convegno sulla violenza che si crede amore

Un convegno sulla violenza che si crede amore

pubblicato il 25/11/2015
Sabato 28 novembre alle ore 9.15 nell'Aula Magna dell'Università in viale Margherita a Vicenza. Organizzato da Moica con la Consigliera di Parità.

C'è un amore buono e uno cattivo. Anzi, meglio, c'è l'amore, quello vero che nasce dal rispetto. E poi c'è quello falso, che si spaccia per amore ma è destinato a portare solo sofferenza. Ma come si impara a distinguerli? E, soprattutto, a difendersi? Ce lo spiega l'associazione Moica di Vicenza che, con il sostegno della Consigliera di Parità della Provincia di Vicenza organizza un convegno dal titolo "Ti amo, ma non da morirne!".

L'appuntamento è sabato 28 novembre alle 9.15 nell'aula magna del Polo Universitario di viale Santa Margherita a Vicenza. Perchè l'amore si impara da piccoli, a casa, in famiglia, a scuola.

L'obbiettivo del convegno è quindi di riflettere sull'importanza della famiglia e della scuola per i più giovani in caso di violenza psicologica e fisica, sulla necessità fondamentale di costruire basi educative "solide" da parte dei genitori, a partire già dai primissimi anni di vita delle bambine e dei bambini, attraverso regole, educazione al rispetto reciproco, sostegno nel gestire le proprie emozioni.

Eloquente il sottotitolo del convegno, che detta una regola: non trasformare l'amore in un inferno. Cominciando proprio dalle bambine e dai bambini, perché la violenza non diventi "un abito stretto". Una regola che diventa imposizione: "Se ti pichia anche una sola volta, lascialo!".

Apriranno l'incontro i saluti di Achille Variati, Presidente della Provincia di Vicenza, Grazia Chisni, Consigliera di Parità, e Itala Catanea, Presidente Moica Vicenza.

Ad entrare nel vivo dell'argomento sarà quindi Elisa Paiusco che presenterà il libro "7° piano" di Asa Grennvall. La graphic novel racconta la storia di una giovane donna che incontra un uomo dapprima bello, gentile e servizievole, poi imprevedibile, tanto che l'amore diventa un inferno da cui la protagonista teme di non uscire più. Settimo piano è la tentazione di farla finita, di lasciarsi cadere da quel piano alto in cui vive, perché consapevole che la sua vita è stata annientata.

Il testo è stato studiato e analizzato dagli studenti dell'Istituto Montagna che, usandolo come base, proporranno al convegno un laboratorio dedicato aall'amore e alla violenza.

Maria Cristina Strocchi, psicologa e psicoterapeuta, presidente dell'associazione "Volere è potere", affronterà invece il tema dell'importanza della famiglia nei primi anni di vita: l'attaccamento e gli schemi negativi ( colpa ed inadeguatezza), l'importanza della prevenzione a partire dai genitori e dalla scuola.

Di sicurezza parlerà Elena Peruffo, Vice Questore di Vicenza, partendo dalla percezione del pericolo e illustrando cosa fare in caso di bisogno di aiuto.

Concluderà il convegno una breve rappresentazione teatrale: "Appuntamento al Buio" di Mara Bergamasco portata in scena dalla compagnia Trigeminus.