Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Focus

Tu sei qui: Home / Focus / Lotta alle polveri sottili: un fondo da 100.000 euro per cambiare caldaie e stufe. Contributo di 500 euro. Richieste dal 16 aprile al 19 maggio

Lotta alle polveri sottili: un fondo da 100.000 euro per cambiare caldaie e stufe. Contributo di 500 euro. Richieste dal 16 aprile al 19 maggio

pubblicato il 10/03/2020

Lotta alle polveri sottili: la Provincia di Vicenza passa alle maniere forti con un fondo di 100mila euro destinato a chi vuole sostituire la propria vecchia caldaia o un vecchio generatore domestico con una nuova caldaia a gas o a Gpl di nuova generazione.

Il bando prevede che dal 16 aprile al 19 maggio 2020 i vicentini possano fare richiesta alla Provincia per ottenere un contributo fino a 500 euro.

Un’azione concreta -afferma il Presidente della Provincia Francesco Rucco- per far fronte ad un problema che interessa l’intero contesto del bacino padano. Ricordo che nei soli primi due mesi dell’anno si sono contati in città 40 sforamenti del limite di concentrazione di polveri sottili nell’aria. E’ necessaria una presa di coscienza collettiva e anche le istituzioni devono fare la propria parte. Con questo fondo di 100mila euro la Provincia riuscirà a dare risposta a 200 vicentini, con il risultato che ci saranno 200 fonti inquinanti in meno.”

L’incentivo rientra tra le azioni che la Provincia di Vicenza attua in materia di risparmio energetico e uso razionale dell’energia, a tutela e valorizzazione dell’ambiente. E gli impianti di riscaldamento, quindi caldaie, stufe e caminetti, sono tra i principali responsabili della presenza di Pm10 nell’aria delle città italiane. A dirlo è lo stesso Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), che ritiene questa fonte di emissione responsabile di più del 50% delle polveri sottili.

Un dato che conosciamo bene -commenta il consigliere provinciale con delega all’ambiente Matteo Macilotti- e da cui nasce l’idea di questo fondo, per sostenere economicamente chi ha una caldaia o una stufa vecchia e vuole sostituirla con una dalle prestazioni energetiche migliori. Un vantaggio per il singolo e un beneficio per la comunità, con un risparmio sia dell’energia consumata che degli inquinanti prodotti.”

Nel dettaglio, 70mila euro sono destinati alla sostituzione di vecchie caldaie alimentate a gasolio, a gas naturale o a Gpl installate prima del 2010 con nuove caldaie a gas naturale o a Gpl; 30mila euro sono invece destinati all’eliminazione di vecchi generatori domestici (stufe, termostufe, inserti, cucine, termocucine) alimentati a biomassa (legna, pellet) installati prima del 2010 e l’installazione di nuove caldaie a gas naturale o a Gpl. Naturalmente, qualora una delle due misure non venga esaurita, la Provincia si riserva di utilizzare le risorse per la restante.

Il contributo massimo previsto è di 500 euro per ogni singola sostituzione. In ogni caso l’importo del contributo non può superiore il 70% del costo complessivo sostenuto. Possono presentare domanda sia i privati cittadini che gli amministratori di condominio.

Per l’erogazione del contributo verrà rispettato l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Ulteriori informazioni e domanda di partecipazione nella sezione Bandi e Avvisi del sito della Provincia di Vicenza e nel portale Cambiamo Aria! (http://aria.provincia.vicenza.it/)

archiviato sotto: