Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Focus / Forma ed Immagine. Ceramiche dell’antica Puglia nella collezione della Provincia di Vicenza

Forma ed Immagine. Ceramiche dell’antica Puglia nella collezione della Provincia di Vicenza

pubblicato il 11/05/2011

Dal 4 al 31 maggio 2011 a palazzo Bonin Longare, in  Corso Palladio 13 a Vicenza, dal martedì alla domenica orario continuato 10-17, sarà possibile  visistare gratuitamente la mostra organizzata da Provincia di Vicenza, Fiera di Vicenza, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e Banca Popolare di Vicenza dal titolo  "Forma ed Immagine. Ceramiche dell’antica Puglia nella collezione della Provincia di Vicenza".

Saranno esposti 44 vasi antichi, risalenti al VI-III secolo A.C., parte di una collezione di reperti ceramici composta da 77 elementi di pregio archeologico, artistico e culturale provenienti dalla antica Puglia, in particolare dalla Daunia, ed acquistati dalla Provincia di Vicenza nel 2008.

Ad un costo irrisorio, 25mila euro, ed in un periodo in cui il Patto di Stabilità non era ancora quella mannaia che oggi è, la Provincia è intervenuta per tutelare l'appartenenza all'intera collettività di un nucleo significativo di oggetti appartenenti al patrimonio archeologico italico contrastandone la dispersione e la delocalizzazione in altro sito. E la sinergia con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e la Fiera di Vicenza è stata indispensabile ai fini della conservazione, della pubblica fruizione e della sua valorizzazione.

Restaurata ed esposta a carico dell'Ente Provinciale per un totale di 30mila euro, “Forme e Immagini” seleziona ceramiche con motivi geometrici, a figure rosse, imitazione della coeva produzione attica, a vernice nera con motivi sovradipinti e vasi configurati plastici. Bellissima ed esotica l'anforetta a testa umana come pure importanti alcuni reperti tra l'altro già restaurati in epoca lontana, a conferma della loro preziosità.