Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Focus

Tu sei qui: Home / Focus / Fondo di Solidarietà: più soldi ai Comuni vicentini. Rucco: “Il gioco di squadra ha funzionato. Se cresciamo noi cresce tutto il Paese”

Fondo di Solidarietà: più soldi ai Comuni vicentini. Rucco: “Il gioco di squadra ha funzionato. Se cresciamo noi cresce tutto il Paese”

pubblicato il 31/01/2020

Tira un sospiro di sollievo il Presidente della Provincia e Sindaco di Vicenza Francesco Rucco: la riduzione del fondo di solidarietà ai Comuni vicentini passa da sforbiciata a spuntatina e se fino a ieri alle casse dei Comuni berici mancava oltre un milione e mezzo di euro, oggi l’ammanco è di 232mila euro.

Ce l’abbiamo fatta -esulta il Presidente Rucco- il gioco di squadra ha funzionato.”

Ed è stato davvero un gioco di squadra di tutti i sindaci vicentini, perfino quelli che dalla nuova ripartizione del fondo prendevano più dello scorso anno, perché in questi casi la solidarietà è la prima regola. Si sono trovati tutti in Sala Stucchi a Vicenza lo scorso 9 gennaio, convocati proprio dal Presidente Rucco, per poi ritrovarsi il giorno successivo in Prefettura e incontrare il Sottosegretario all’Interno Achille Variati, mantenendosi sempre in contatto con Anci Veneto e Nazionale.

Una strategia vincente, visto che proprio ieri la Conferenza Stato-Città ha implementato il Fondo con ulteriori 100milioni di euro da mettere a disposizione dei Comuni che avevano subito i maggiori tagli e con un’attenzione particolare ai piccoli Comuni.

E’ il giusto riconoscimento alle nostre amministrazioni -commenta Rucco- abbiamo già dimostrato di saper governare bene, che significa niente sprechi e spese mirate. Con un taglio così importante alcuni Comuni avrebbero avuto difficoltà a chiudere il bilancio. I sacrifici li facciamo quotidianamente e siamo in prima linea nel trasferire risorse ad uno Stato che vive anche e soprattutto grazie alle tasse che arrivano dai nostri cittadini e dalle nostre imprese. Giusta la solidarietà, ma giusto anche riconoscere e premiare chi è virtuoso come i nostri Comuni, che sanno davvero tradurre i fondi a disposizione in servizi per la comunità. Penalizzare noi significa mettere a rischio la crescita del Paese. Al contrario, permetterci di investire nel nostro territorio porta ricchezza a tutta la Nazione.”

archiviato sotto: