Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

E-mail istituzionale info@provincia.vicenza.it

E-mail posta certificata provincia.vicenza@cert.ip-veneto.net

Tu sei qui: Home / Eventi / "Vicenza nella Guerra" in Sala Consiglio

"Vicenza nella Guerra" in Sala Consiglio

pubblicato il 11/07/2018

Dettagli dell'evento

Quando

12/07/2018
dalle 10:00 alle 12:00

Aggiungi l'evento al calendario

Battaglie, luoghi e persone: sono questi gli elementi che rendono unico e speciale Vicenza nella Guerra (1915-1918), libro scritto da Giuseppe De Mori ristampato per commemorare il centenario dalla conclusione della Grande Guerra.

La Provincia di Vicenza lo riporterà all’attenzione nella Sala Consiliare di palazzo Nievo Giovedì 12 luglio alle 10 del mattino con una cerimonia a cui presenzieranno, oltre naturalmente alla Presidente della Provincia Maria Cristina Franco, il Prefetto Umberto Guidato e i Sindaci vicentini a cui verrà consegnata copia del volume. Al Maggiore Umberto Rizzo, Vicepresidente dell' Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia, il compito di raccontare Giuseppe De Mori, considerato il primo inviato di guerra della storia italiana, mentre sarà il dott. Mauro Passarin, Conservatore del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Vicenza, ad illustrare i contenuti del libro che narra le vicende umane e militari dei nostri soldati e della popolazione vicentina coinvolta “in prima linea” nella Grande Guerra.

Scorrere le pagine di un libro come Vicenza nella Guerra (1915-1918) sottolinea la Presidente Franco - affascina e colpisce. Giuseppe De Mori lo scrisse tra la primavera del 1916 e il 1918 e lo pubblicò nel 1931. Col tempo divenne un'opera di straordinario valore, data la rarità di copie stampate. Così, con l'intento di metterlo a disposizione di tutti i vicentini, l'Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia della sezione di Vicenza-Bassano, in collaborazione con la Regione Veneto, ha deciso di ristamparlo (il volume consta di ben 700 pagine, molte delle quali illustrate), per metterlo a disposizione dei Comuni della provincia e delle rispettive biblioteche”.

Il territorio vicentino fu direttamente coinvolto nella Grande Guerra che cent'anni fa dilagava dall'Altopiano al Grappa, dal Pasubio al Novegno e al Pria Forà. Quella di Vicenza è la provincia che registrò, suo malgrado, il maggior numero di vittime tanto che, nel loro ricordo, sullo Stemma della Provincia sono riportati gli ossari del Pasubio e del Cimone e i Sacrari del Grappa e di Asiago. La Grande Guerra fu una guerra "totale" anche sui nostri monti in quanto riguardò non solo i militari (ricordiamo ad esempio le 10.000 vittime del Pasubio), ma anche una considerevole parte della popolazione: nel 1916 furono 76.000 le persone costrette all'esodo forzato dai comuni dell'Alto Vicentino.

Un’epopea che Giuseppe De Mori ha saputo raccontare, dopo averla vissute in prima persona, che torna ora d’attualità. Da novembre calerà il sipario sulle celebrazioni, non sulla memoria di quei fatti, quanto mai viva e ricca ancora di insegnamenti.